Come calcolare il ROI di un acquisto immobiliare | Giancarlo Grandi

Gli immobili a uso investimento sono una fetta importante nel mercato delle compravendite. Prima di procedere, bisogna capire come calcolare il ROI di un acquisto immobiliare, per utilizzare al meglio il capitale che si va a investire.
Comprare un immobile come investimento è un passo conveniente da compiere? La casa è un bene tangibile e per questo molto ricercato ma cosa comporta procedere in questa direzione? Uno dei primi passi è cercare di capire se a lungo termine l’acquisto di quella casa porterà a un ritorno economico. Solo se facendo questi calcoli il risultato sarà positivo, si potrà valutare concretamente di procedere all’acquisto.

I fattori che compongono il ROI

La parola ROI è l’acronimo dell’inglese “Return on investment”, “Ritorno sull’investimento”. Per “ritorno” si intende il guadagno che si ottiene con l’operazione finanziaria che si è messa in atto.
Questo indice sulla redditività viene determinato dal calcolo di due elementi: - Utile derivato: è il reddito totale dell’operazione a cui viene sottratto il capitale investito. - Capitale investito: è la quota che si utilizza per acquistare l’immobile.

Ecco come si valuta, passo dopo passo, il ROI di un acquisto immobiliare:

ROI = Utile derivato/Capitale investito

Ecco un esempio pratico per calcolare il ROI:

Capitale investito nell’acquisto di una casa: 100.000 €
Capitale ottenuto con la vendita della casa: 120.000 €
Utile derivato: 120.000 - 100.000 € = 20.000 €
20.000 / 100.000 = 0.2 = 20% (Indice di redditività)

Calcolo del ROI

La regola del 6% nel calcolo del ROI

Un investimento immobiliare comporta l’utilizzo di ingenti risorse, che senza impegno, tempo e capacità, non porteranno ad alcun guadagno.
Per questo, facendo il calcolo dei ROI, è stata stabilita la cosiddetta “Regola del 6%”. Questa percentuale è il rendimento minimo accettato, sotto cui è sconsigliato procedere all’acquisto. Questa soglia è, quindi, un punto di partenza concreto per fare tutte le valutazioni del caso.

Si devono mettere in conto, infatti, una serie di spese accessorie da affrontare: oltre al costo iniziale, bisogna considerare, il compenso di eventuali intermediari, le tasse annuali, l’assicurazione, la manutenzione ordinaria e straordinaria dell’immobile e/o del palazzo. Solo allora il quadro della situazione sarà completo e si potrà decidere in maniera definitiva se procedere o meno.

Come valutare il ROI

Capire dopo il ROI se procedere all’acquisto dell’immobile

È il momento giusto per investire nell’acquisto di un immobile?

Capire dopo il ROI se procedere all’acquisto dell’immobile è possibile.
Preso atto della percentuale di ritorno economico, ci si chiede se sia il momento giusto per investire: come si muove attualmente il mercato in questo ambito?
Ci sono periodi “giusti” per avviare un acquisto ai fini di investimento?

La casa è considerata “un bene rifugio”, ossia un bene appartenente a una categoria non soggetta a svalutazione, neanche in momenti di crisi.
Inoltre, è un bene che si può controllare fisicamente a seconda delle proprie necessità: si può affittare (nel tempo si può cambiare il canone mensile), si può vendere (per avere una liquidità immediata), si può rinnovare (per aumentarne il valore e di conseguenza il ROI).
Viste le oscillazioni del prezzo di mercato, è necessario far sì che la casa non perda il suo valore, operando una costante manutenzione.

Quattro regole per investire negli immobili

Che sia una seconda casa a uso vacanza o un appartamento per studenti, sono molti gli italiani che decidono di investire nel mattone.
Ecco per chi volesse intraprendere questa strada, quattro regole per investire negli immobili:

Non avere fretta: l’investimento deve essere lungimirante e guardare al futuro. Solo dopo aver considerato tutti gli aspetti convenienti si potrà portare avanti la trattativa, altrimenti la velocità potrà far commettere degli errori.
Imparare a negoziare: condurre una buona trattativa è una buona base per concludere un affare.
Finalizzare una trattativa conveniente: il guadagno dell’investimento si avrà solo quando l’acquisto sarà concluso. Solo dopo aver comprato a un buon prezzo, si può pensare di rivendere la casa a una cifra più alta di quella iniziale
Comprare da venditori interessati: solo chi ha interesse a vendere non vi farà perdere tempo prezioso e vi permetterà di condurre una buona trattativa.

Vuoi capire come calcolare il ROI di un acquisto immobiliare? Contattami, posso darti tutte le informazioni su come valutare la redditività del tuo investimento.


Chi Sono

Sono Giancarlo Grandi, agente immobiliare di Milano con più di 30 anni di esperienza. Offro i miei consigli a chi vuole affrontare una compravendita immobiliare nella maniera più serena possibile, per evitare sorprese e per raggiungere al meglio il proprio obiettivo.

Seguimi su Fb

Ultimi articoli

Guida sui nuovi quartieri di Milano, le zone che stanno avendo uno sviluppo importante nel tessuto immobiliare ed economico cittadino | Giancarlo Grandi

 

Molti dicono che Milano non regga il confronto con le grandi città d’arte del Belpaese, ma di certo la città lombarda ha un grande pregio: la bellezza di Milano è distribuita sul territorio, nei suoi quartieri, nelle forme più svariate, ma è una bellezza nascosta, timida, che richiede tempo per essere scoperta.

Leggi tutto...

Conviene acquistare casa su carta? | Giancarlo Grandi

 

Conviene comprare una casa nuova o da ristrutturare? La scelta dipende in primo luogo dalla zona in cui si vuole andare ad abitare. Nelle periferie delle grandi città e di quelle in espansione, per rispondere alla richiesta abitativa, stanno sorgendo vere e proprie città satelliti, con spazi verdi, centri commerciali, servizi e possibilità di parcheggiare l'auto: una serie di aspetti positivi fondamentali per alcuni acquirenti.

Leggi tutto...

Hai uno o più animali e devi comprare casa? Considerazioni prima dell’acquisto. | Giancarlo Grandi

 

Nessuna casa può essere definita tale senza un animale.
Sono oltre 60 milioni gli animali domestici – tra cani, gatti, piccoli roditori, pesci, uccelli e tartarughe – che vivono nelle nostre case. Secondo la fotografia scattata dal Rapporto Italia 2017 di Eurispes, il 33 per cento ha almeno un animale domestico: il miglior amico resta il cane (62 per cento) seguito dal gatto (40,8 per cento). Quando l’esigenza di cercare una casa si affianca alla necessità di trovare un luogo valido anche per i nostri amici a quattro zampe, le cose possono complicarsi.

Leggi tutto...

Vantaggi e svantaggi di vivere in centro o in periferia a Milano | Giancarlo Grandi

 

Andare a vivere a Milano sembra essere tutt’oggi una valida opzione, sia per coloro che sono alla ricerca di un lavoro, sia per coloro che sono alla ricerca di un valido percorso formativo. Nonostante la crisi economica, che si fa sentire anche in questa città, Milano continua ad essere ricca di opportunità e con uno stile di vita a sé rispetto al resto della Penisola, un modo di vivere, se vogliamo, più internazionale e cosmopolita.

Leggi tutto...

Guida aggiornata su tutti i bonus fiscali del 2018 del settore immobiliare | Giancarlo Grandi

Bonus immobili: le agevolazioni 2018 sono più convenienti

Chi sta pensando di sistemare casa e godere di tutti i vantaggi dei bonus stabiliti dalla legge ha ancora qualche mese di tempo. Infatti alcuni sconti fiscali sono stati prorogati fino al 31 dicembre2018. Scopriamo insieme tutte le novità per il 2018 nel settore immobiliare e in particolare dei cosiddetti “bonus”, ovvero dei vantaggi fiscali in termini di detrazioni, già esistenti e prorogati, oppure introdotti ex-novo dal Governo.

Leggi tutto...