Cambiare destinazione d’uso a un locale commerciale | Giancarlo Grandi

Cambiare destinazione d’uso a un locale commerciale richiede la conoscenza di alcuni elementi generali.

In primis, bisogna fare chiarezza sul significato di queste denominazioni e capire cosa comportano. Per “destinazione d’uso”, si intende il modo e la finalità con cui viene utilizzato un immobile. La classificazione avviene attraverso una lettera e un numero che li identifica in maniera univoca.
Al catasto sono censiti tutti gli immobili presenti sul territorio, da quelli a destinazione ordinaria, come le abitazioni, fino a quelli a destinazione particolare o speciale (dagli alberghi ai teatri, dagli ospedali agli istituti di credito, dai fabbricati alle stazioni per servizi di trasporto e così via). Nella compravendita di case, il termine più comune è “uso residenziale”, ossia di immobili destinati a diventare una dimora dove vivere.

Come cambiare destinazione d’uso a un locale commerciale

Può capitare che, per i motivi più disparati, si debba cambiare destinazione d’uso di un immobile.
Gli aspetti da considerare riguardano due categorie principali: l’ambito urbanistico-normativo e quello morfologico. Consideriamo, nel nostro caso, di dove cambiare destinazione d’uso a un locale commerciale: quali sono i primi passi per iniziare la procedura?
Il punto di partenza per il cambio di destinazione è valutare che sussistano le condizioni per procedere, ossia se è una cosa che è permesso fare. Da regione a regione possono variare alcune condizioni ma in linea generale i principi sono gli stessi e devono essere rispettati.

Il piano urbanistico da rispettare per cambio uso locale commerciale

Guida per il cambio di destinazione di un locale commerciale

Per intraprendere il cambio di destinazione d’uso, occorre fare un serie di valutazioni. Alcuni consigli vi saranno utili per capire come procedere e far sì che tutto vada a buon fine. Ecco una breve guida per il cambio di destinazione di un locale commerciale:

1. Controllare il piano urbanistico
Bisogna accertarsi che dal punto di vista urbanistico sia permesso il cambio, altrimenti non si può procedere.

2. Accertarsi delle condizioni igienico-sanitarie
Bisogna valutare che vengano osservate tutte le norme igienico-sanitarie prescritte dai regolamenti locali, garantendo dei livelli minimi di salubrità.

3. Valutare la morfologia del territorio
Per questo aspetto è necessario consultare il Piano Regolatore Comunale, che indica la possibilità o meno di trasformare una zona. Se questo non è permesso si dovrà accantonare l’idea, se invece è fattibile, bisogna considerare i parametri da rispettare. Il Piano, infatti, indica anche le destinazioni d’uso possibili in una determinata area.
Consulta il Piano Regolatore Comunale

Dichiarazione cambio uso locale per Agenzia del Territorio

Cambio di destinazione d’uso: come procedere

I costi del cambio di destinazione d’uso

Verificate le condizioni per procedere al cambio di destinazione d’uso, si devono analizzare attentamente i costi, in modo da capire se la variazione è sostenibile o meno. La cifra da investire cambia notevolmente a seconda del tipo di intervento che si deve affrontare e dei conseguenti lavori. Quest’ultima analisi permettere di avere il quadro completo della situazione, in modo da prendere una decisione definitiva.
La strada più “economica”, è quella di una trasformazione non “radicale”. Se vogliamo trasformare un ufficio in un’abitazione e viceversa, gli interventi saranno di semplice adeguamento degli spazi e dell’arredamento, in quanto l’uso commerciale non ha stravolto completamente la fisionomia dell’immobile.
Diverso il discorso se si tratta di interventi massicci di ristrutturazione, in caso ad esempio si decida di trasformare un fabbricato in una casa. Le procedure di cambio destinazione riguarderanno la struttura dell’immobile e dobbiamo considerare costi sicuramente maggiori. A questo investimento, si aggiungono le spese per le prestazioni di professionisti, inerenti le pratiche urbanistiche e catastali e il pagamento degli oneri di urbanizzazione, da versare quando si intraprendono lavori edilizi.

Procedure finali del cambio di destinazione d’uso

Arrivati a questo punto, l’aspetto burocratico riveste un ruolo molto importante nelle procedure finali del cambio di destinazione d’uso. Infatti, incide nella fase preliminare e diventa determinante in quella conclusiva, quando i lavori sono stati portati a termine e bisogna certificare il cambio. Le procedure finali prevedono la presentazione della dichiarazione di cambio d’uso all’Agenzia del territorio, che di conseguenza modificherà anche la rendita catastale, elemento che serve per il calcolo delle imposte. Ultimo passo prima di utilizzare l’immobile, sarà il certificato di agibilità: la documentazione per il cambio, i permessi ottenuti, la variazione avvenuta e questo ultimo certificato completano il cambio di destinazione d’uso.

Vuoi capire come cambiare destinazione d’uso a un locale commerciale? Contattami, posso darti tutte le indicazioni per iniziare la procedura.


Chi Sono

Sono Giancarlo Grandi, agente immobiliare di Milano con più di 30 anni di esperienza. Offro i miei consigli a chi vuole affrontare una compravendita immobiliare nella maniera più serena possibile, per evitare sorprese e per raggiungere al meglio il proprio obiettivo.

Seguimi su Fb

Ultimi articoli

Guida sui nuovi quartieri di Milano, le zone che stanno avendo uno sviluppo importante nel tessuto immobiliare ed economico cittadino | Giancarlo Grandi

 

Molti dicono che Milano non regga il confronto con le grandi città d’arte del Belpaese, ma di certo la città lombarda ha un grande pregio: la bellezza di Milano è distribuita sul territorio, nei suoi quartieri, nelle forme più svariate, ma è una bellezza nascosta, timida, che richiede tempo per essere scoperta.

Leggi tutto...

Conviene acquistare casa su carta? | Giancarlo Grandi

 

Conviene comprare una casa nuova o da ristrutturare? La scelta dipende in primo luogo dalla zona in cui si vuole andare ad abitare. Nelle periferie delle grandi città e di quelle in espansione, per rispondere alla richiesta abitativa, stanno sorgendo vere e proprie città satelliti, con spazi verdi, centri commerciali, servizi e possibilità di parcheggiare l'auto: una serie di aspetti positivi fondamentali per alcuni acquirenti.

Leggi tutto...

Hai uno o più animali e devi comprare casa? Considerazioni prima dell’acquisto. | Giancarlo Grandi

 

Nessuna casa può essere definita tale senza un animale.
Sono oltre 60 milioni gli animali domestici – tra cani, gatti, piccoli roditori, pesci, uccelli e tartarughe – che vivono nelle nostre case. Secondo la fotografia scattata dal Rapporto Italia 2017 di Eurispes, il 33 per cento ha almeno un animale domestico: il miglior amico resta il cane (62 per cento) seguito dal gatto (40,8 per cento). Quando l’esigenza di cercare una casa si affianca alla necessità di trovare un luogo valido anche per i nostri amici a quattro zampe, le cose possono complicarsi.

Leggi tutto...

Vantaggi e svantaggi di vivere in centro o in periferia a Milano | Giancarlo Grandi

 

Andare a vivere a Milano sembra essere tutt’oggi una valida opzione, sia per coloro che sono alla ricerca di un lavoro, sia per coloro che sono alla ricerca di un valido percorso formativo. Nonostante la crisi economica, che si fa sentire anche in questa città, Milano continua ad essere ricca di opportunità e con uno stile di vita a sé rispetto al resto della Penisola, un modo di vivere, se vogliamo, più internazionale e cosmopolita.

Leggi tutto...

Guida aggiornata su tutti i bonus fiscali del 2018 del settore immobiliare | Giancarlo Grandi

Bonus immobili: le agevolazioni 2018 sono più convenienti

Chi sta pensando di sistemare casa e godere di tutti i vantaggi dei bonus stabiliti dalla legge ha ancora qualche mese di tempo. Infatti alcuni sconti fiscali sono stati prorogati fino al 31 dicembre2018. Scopriamo insieme tutte le novità per il 2018 nel settore immobiliare e in particolare dei cosiddetti “bonus”, ovvero dei vantaggi fiscali in termini di detrazioni, già esistenti e prorogati, oppure introdotti ex-novo dal Governo.

Leggi tutto...